Dove si coltivano idee storte ma ben piantate.

Articoli con tag ‘Vendola’

SI diventa NO nello spazio di un MA

Questa in sintesi è stata la giornata di oggi: il governo ha annullato il prelievo-beffa di 150 euro al mese dal magrissimo stipendio dei professori, quelli che dovrebbero formare le generazioni future. In pratica ha riconosciuto una serie di scatti di anzianità (bloccati da quando la Berta filava) per poi rimangiarsi la parola (da qui il prelievo) e ri-mangiarsela di fronte al coro di “buuuu” arrivati da ovunque (PD incluso, che ricordo è uno dei partiti al governo).
E poi sono io quello che coltiva la scemenza, vero?

Il Governo annulla la richiesta di 150 euro agli insegnanti. Ha fatto così tante volte avanti-e-indietro che, secondo me, tra un po’ vomita.

Saccomanni si autodefinisce un mero esecutore. Mi ricorda un altro che si autodefinì “l’utilizzatore finale”.

Renzi: non stiamo su Scherzi a parte. E io che speravo che Saccomanni fosse solo una comparsa…

Saccomanni: c’è stato un errore di comunicazione. Parla come se al ministero dell’economia ci fosse qualcun’altro.

Carrozza: si arriva a un pasticcio, a volte senza che ministri e governo ne sappiano niente. Il governo delle larghe disattese.

Saccomanni: Il ministero dell’Economia e delle finanze è mero esecutore. Era da Norimberga che non la sentivo sta scemenza.

Vendola: gli insegnanti non meritano questa umiliazione. Come se la colletta per la carta igienica fosse un vanto.

I ministri dell’economia e dell’istruzione hanno dimostrato una grande preparazione. Nello scaricabarile.

Renzi: governo rimedi alla figuraccia, il PD su questo non mollerà. Mi rinfreschi le idee, di quale partito è il Primo Ministro?

Saccomanni è al ministero dell’Economia e delle finanze a sua insaputa, a quanto pare.

Renzi: il taglio agli insegnanti è assurdo. E non è l’unica cosa assurda, in Italia.

Secondo la Carrozza ministri e governo non sapevano nulla sul recupero dei 150 euro. Cosa aspettate a candidare il Mago Otelma?

Renzi: bene il governo, ora tocca al lavoro. Preleveranno i 150 euro dai disoccupati.

 

Annunci

Primarie primigine.

Domenica ci sono state le primarie del PD. Gli elettori, a 2 euro a cranio, son stati chiamati a decidere tra Bersani, Puppato, Renzi, Tabacci e Vendola. Risultato? Ci sarà il ballottaggio tra Bersani e Renzi e ci sono tante belle piantine nel mio ScEMENZAIO.

Primarie PD, Renzi: non gridiamo al complotto ma vogliamo i verbali online. Tanto per rendere pubblica la ricetta per smacchiare i giaguari.

Bersani a Renzi: siamo tutti nella stessa squadra. Quella con o quella senza la “L”?

Puppato: il mio risultato quasi un miracolo. In effetti ha quasi vinto.

Primarie, è guerra sui numeri. Per caso i voti li ha contati la Fornero?

Vendola: l’appoggio di SEL a Bersani non è scontato. In fondo è ancora presto per fare i saldi.

La moglie di Tabacci ora ha la conferma: il marito ha ricevuto tre voti, è chiaro che ha un’amante.

Berlusconi: se vince Bersani scendo in campo. A ulteriore conferma che se qualcosa può andare peggio, lo farà.

Il trend italiano viene riconfermato anche dalle primarie del PD: gli sconfitti son tutti contenti.

Renzi: il voto dei toscani mi commuove. Anche i toscani sono commossi, ma da un punto di vista cerebrale.

Primarie PD: Bersani vince. Non capita spesso di vedere queste due parole insieme nella stessa frase.

Renzi: dobbiamo puntare ai delusi del centro destra. In modo da poterli deludere anche col centro sinistra.

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: