Dove si coltivano idee storte ma ben piantate.

Articoli con tag ‘Siria’

G8 e Turchia: modi diversi di farsi del male.

Oggi inizia il G8 e in Turchia continuano le proteste, con conseguente repressione da parte del governo. Cacchio, manca solo più la lanterna poi pare di stare a Genova! Al G8 parleranno di Siria e lavoro, in Turchia non parlano e passano direttamente al manganello. E intento il mondo resta a guardare.

Bulen Arinc: la polizia turca userà tutta l’autorità di cui dispone. E magari anche un po’ di più.

Erdogan: non riconosco il Parlamento dell’Unione Europea. E nemmeno la sua popolazione, a quanto pare.

Ankara: fotografo italiano ferito e fermato. Anche il diritto di cronaca è illegale in Turchia.

G8 al via, sul tavolo Siria e lavoro. Consiglio anche un buon detersivo per togliere le macchie di sangue dalle superfici.

Oggi Letta vedrà Obama. Spero solo che non chieda consigli sulle lampade abbronzanti.

Dal G8 Barroso dice stop ai paradisi fiscali. Tipo l’Italia, dove se hai 2 soldi non serve nasconderli: basta evadere le tasse

G8, Obama esalta il processo di pace irlandese. L’ho sempre detto che la birra aiuta a distendere i nervi.

G8: Letta vede tutti i grandi. Ancora non si sa se i grandi vedranno Letta.

Turchia, usate sostanze urticanti negli idranti. Il governo promette di rimediare presto, usando la benzina.

Letta arriva dai Grandi con due parole chiave: crescita e lavoro. Anche i Grandi hanno due parole chiave: “ti” e “piacerebbe”

 

Governo Turco: lo sciopero è illegale. Anche la democrazia, a quanto pare.

 

La voce del padrone.

La NATO, ovvero l’estensione degli Stati Uniti nel mondo, dichiara che se Assad userà le armi chimiche in Siria allora ci saranno ripercussioni. Senza dubbio ci saranno per i siriani. La cosa che fa nascere parecchie piantine nel ScEMENZAIO è che si sono accorti solo adesso che in Siria si muore! Beh, meglio tardi che mai.

La NATO si accorge che esiste anche la Siria. Appena in tempo per salvare l’export delle armi.

La NATO si dice preoccupata dall’uso della armi chimiche in Siria. È che amano le tradizioni…

Anche dalla Francia ammonimento ad Assad sulle armi chimiche: attento, o mandiamo la Carlà a promuovere il suo nuovo disco.

La NATO non vuole che vengano usate armi chimiche in Siria. Con la sola esclusione della Coca Cola.

La NATO si oppone alle armi chiniche in Siria. Motivazione: non sono di fabbricazione americana.

Giulio Terzi: l’Italia in Siria è impegnata nel processo di costruzione di un’alternativa al regime. Impegnata in Siria, ma non in Italia.

La NATO minaccia l’intervento in Siria. L’europa sta ancora cercando di capire se esista o no la Siria.

Se in Siria usano le armi chimiche la NATO interverrà. Gli unici che non noteranno nessuna differenza sono i siriani.

Severo monito della NATO sull’uso di armi chimiche in Siria: poi chi li sente quelli di Greenpeace!?

Se in Siria useranno armi chimiche la NATO promette intervento immediato. Nessun problema se si usano le bombe classiche.

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: