Dove si coltivano idee storte ma ben piantate.

Articoli con tag ‘Roma’

Spuntata una pallottola.

Il 2014 inizia male: a Roma si spara a un diciassettenne, a Chivasso si mettono bombe di fronte alla sede di Equitalia e io inizio a trapiantare le nuove piantine nello ScEMENZAIO. Coraggio, potrebbe sempre esser peggio: potrebbe piovere.

Bombe a Chivasso, pallottole a Roma… il 2014 inizia con la ripresa. Delle ostilità.

Sparatoria a Roma, 17enne in gravi condizioni. Ma per non spaventare gli italiani diremo che forse non sta troppo bene.

L’anno nuovo, per Equitalia, sarà una bomba!

Una sparatoria riporta in auge il problema sicurezza in periferia. E no, non stiamo parlando di Kabul.

Bomba a mano nella sede di Equitalia. Oppure è una cartella esattoriale tornata al mittente.

Tra sparatorie e bombe a mano si direbbe che ci aspetta un 2014 col botto.

 

Il governo è pronto a cancellare la tassa sulle auto potenti. Era chiedere troppo dopo il fastidioso black-out di Cortina.

 

 

Annunci

Che sballottaggio!

Oggi si chiudono le votazioni per l’elezione alla carica di sindaco in molti comuni italiani, tra i quali Roma: dopo che i romani son stati sballottati per bene, ecco che presto decideranno chi sarà il primo cittadino. In vantaggio, senza bisogno di attendere le proiezioni, è chiaramente il partito dell’astensionismo: due italiani su tre han preferito fare il ballottaggio tra la montagna e il mare. Io no, io ho le idee chiare: voto per le piante del mio ScEMENZAIO.

A Roma l’affluenza alle urne è stata talmente bassa che verrà nominato sindaco colui che estrarrà la pagliuzza più corta.

Nei comuni italiani il problema delle buche è molto sentito. Ecco perché gli elettori hanno dato buca…

Non voto più, me ne vado. [Mina, commentando l’affluenza alle urne]

Siamo talmente disperati che se alle elezioni si presentasse Emanuele Filiberto probabilmente le vincerebbe.

Alemanno: con il vostro voto vincerò questa sfida per il bene di Roma. Ed ecco spiegato il forte astensionismo.

Alemanno porta a votare anche sua madre. Ma lei ha votato per Marino.

A Roma l’affluenza alle urne è stata talmente bassa che il sindaco verrà eletto con l’applausometro.

Calano consumi, PIL e affluenza alle urne. Una normale giornata italiana, quindi.

 

Solo 1 italiano su 3 crede nel voto. Gli altri 2 si affidano agli ex-voto.

 

Vacanti romani.

Oggi gran fermento nella capitale: si riuniscono gli eletti del Movimento 5 Stelle, alla presenza del fondatore Casaleggio e della voce narrante Grillo. Non solo, il leader genovese ironizza dicendo che il prossimo premier sarà Passera sponsorizzato da PD+PDL. Porcalamiseriaccia, che giornata pregna! Fra tutti riusciranno a decidere cosa fare da grandi o dobbiamo aspettare ancora un po’? Per ammazzare l’attesa semino un po’ di roba nel ScEMENZAIO, magari nasce qualcosa…

Ma non era a quello di un po’ di tempo fa che piazzava la Passera ovunque?

Passera deve girare. Da una banca a un’altra.

Primo conclave degli adepti di Grillo. Nella speranza che buttino via la chiave.

Grillo dice “piuttosto nuove elezioni”. Ma è già passato al PDL?

Grillo riunisce i suoi a Roma. Come ogni buon pastore.

Movimento 5 Stelle: niente fiducia a governo formato dai partiti. Come se fosse possibile farne uno senza partiti.

Vito Crimi nuovo capogruppo Movimento 5 Stelle al Senato. Il suo nome è stato scelto tra quelli che sapevano dove fosse Palazzo Madama.

 

Non ci resta che piangere.

Dev’essere quello che hanno detto gli studenti di fronte al Palazzo Piacentini, sede del Ministero di Grazia e Giustizia. E non era commozione per la fine che ha fatto la dea bendata col bilancino, erano lacrime chimiche provocate dai lacrimogeni lanciati dal Palazzo. Sì sì, avete capito bene. Ma state tranquilli, il Ministro Severino ha promesso indagini accurate, non appena il fumo si sarà diradato.
Secondo voi, può il mio ScEMENZAIO rinunciare a una tale quantità di semenza fresca? Ovvio che no…

Indagine interna del Ministro Severino. Per un attimo ho temuto che venisse pubblicata la sua colonscopia.

Severino: indagine interna. Fornero: scusate, colpa mia, mi stavo allenando.

Lacrimogeni dal ministero della giustizia. Per come vanno le cose andavano sparati dal ministero delle pari opportunità.

Pare che per scatenare le lacrime di fronte al ministero della giustizia siano stati usati gli incartamenti del caso Ustica.

Il ministro Severino esprime inquietudine e preoccupazione. Una roba da lacrime agli occhi…

Cicchitto: il ministro Cancellieri non si basi solo sui filmati di Repubblica. Dia tempo a Il Giornale di fare il remix.

Severino promette indagine interna e nuove misure: manganelli e lacrimogeni saranno molto più grossi.

Il PD: serve chiarezza sul lancio di lacrimogeni. Vi do un aiuto: non li hanno lanciati le finestre.

Lacrimogeni dal palazzo di giustizia: era l’unico modo per staccare gli impiegati dalla macchinetta del caffè.

Questore di Roma: siamo per tutelare la legge, questo è il nostro compito. Lo ripeta come un tantra, poi le verrà istintivo.

Il questore di Roma dice che i lacrimogeni erano a parabola. Problema risolto: è colpa della forza di gravità.

Foto: dal blog di nonleggerlo – http://nonleggerlo.blogspot.it

#eventoestremoaRoma

Alemanno assume un non-parente non-amico.

È stato visto Marchionne in Piazza del popolo che indossava un paio di Tod’s.

La Protezione Civile emana un allarme Alemanno: potrebbe dire scemenze sul maltempo.

Veltroni si candida sindaco della capitale. Votatelo: se fa il sindaco, non avrà più tempo per scrivere.

Zeman ha chiesto un difensore. (via Matteo Grandi)

Formigoni arriva e consegna le dimissioni. (via Alex Braga)

Veltroni ritira la sua candidatura premier, se ora ritira pure tutte le copie del suo nuovo romanzo sarà beatificato. (via Gianluca Foresi)

“Protezione Civile: picco della perturbazione tra le 20 e le 23″…il dubbio è di quale giorno! (via Sabry – 00vintage)

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: