Dove si coltivano idee storte ma ben piantate.

Articoli con tag ‘Quirinarie’

At last…

Alla fine ce l’abbiamo fatta! Gaudio! Tripudio! Sono usciti i nomi dalle Quirinarie: non ci è dato a sapere quante preferenze ha preso ciascuno dei candidati, ma è già un risultato, no? Intanto in Venezuela, sempre per le elezioni, sono scoppiate rivolte di piazza per inciuci vari presumibilmente fatti dal successore di Chavez, che vince di misura. Cacchio, se devi imbrogliare almeno fallo bene: chiedi a noi italiani! Ma ora bando alla ciance e sotto con la semina!

La Gabanelli candidata al Colle. Farebbero di tutto pur d’impedirle di fare il suo mestiere.

Il Venezuela e il PD hanno parecchie cose in comune. Ad esempio, entrambi si sono spaccati in due dopo le elezioni.

Il massimo della tensione in Italia per l’elezione del Presidente è Grillo che manda qualcuno da qualche parte.

In base alle ferree regole del Movimento 5 Stelle, dove 1 vale 1, vince le Quirinarie la Gabanelli e quindi il movimento punta su Rodotà.

Capezzone: con la Gabanelli le manette diventerebbero simbolo dell’Italia. Non siamo COSÌ fortunati, Daniele…

La Gabanelli vince le Quirinarie ma il Movimento 5 Stelle punta su Rodotà. Nemmeno la fatica di cercare una scusa, questa volta?

Scontri in Venezuela sul risultato delle elezioni. Negli stati normali uno vince e l’altro no, in Italia vincono sempre tutti!

Capezzone: non vogliamo un’Italia fondata sul giustizialismo. L’attuale fondata sulle giarrettiere è MOLTO più divertente!..

Venezuela: quattro morti negli scontri del dopo-elezioni. Succede anche in Italia, ma nel dopo-partita.

La Gabanelli confessa che il primo partito a corteggiarla è stata la Lega. Ma lei non va a letto con il nemico.

In Venezuela sono in tanti a sospettare di brogli elettorali: pare che abbia vinto un certo “Berlusconi”.

Gabanelli al Colle, Grillo rilancia: Bersani la voti e collaboriamo. Ogni lasciata è persa, Pier!..

 

La democrazia vera costa lacrime e sangue, quella finta al massimo costa un click.

 

 

Il PD non è bello…

…se non è litigarello! E infatti Renzi e la Finocchiaro si son reciprocamente mandati da qualche parte. Si sa, uniti si vince, quindi perché unirsi? Nel frattempo prosegue la corsa al Colle, con una ricca rosa di nomi per le rinate Quirinarie: si va da Gino Strada, a Milena Gabanelli passando per Dario Fo e Stefano Rodotà. Chi vincerà? La parola al ScEMENZAIO!..

Renzi e Bersani litigano. Ah, quindi si fa a gironi, non a eliminazione diretta.

Renzi ha incontrato D’Alema e ora tocca a Berlusconi. Meno male che uno dei due ha i baffi, altrimenti sarebbe difficile distinguerli.

Quirinale: Grillo si ritira. Dichiarando: non je la Fo.

Finocchiaro: inaccettabile che l’attacco venga da un esponente del mio stesso partito. Ah, davvero siete dello stesso partito?

Nella corsa al Quirinale, Gino si fa Strada.

Finocchiaro: Matteo, sono tua madre!

La Finocchiaro non accetta che gli attacchi provengano da uno con in tasca la sua stessa tessera. Intende quella Ikea Family?

Prodi potrebbe andare al Colle. E noi a Patrasso.

Ci sono più correnti nel PD che al Colosseo. E che lì le finestre aperte non mancano. Nel PD, intendevo.

Casaleggio vuole un Presidente della Repubblica super partes che non sia un politico. Tipo, ad esempio, Gianroberto.

Il web dice Prodi, Casaleggio dice no. Chi di democrazia diretta ferisce…

Casaleggio & hackeraggio.

E mentre i 10 saggi vanno in pellegrinaggio al Colle, per presentare il risultato delle loro elucubrazioni, ecco che le Quirinarie del Movimento 5 Stelle vengono cancellate per “hackeraggio del sistema informatico”. Cacchio, non siete ancora partiti che già state cercando scuse se le cose non vanno nel verso gradito a Casaleggio? Ma per fortuna il mio ScEMENZAIO non è stato hackerato, godetevi i semi di oggi…

Annullate le Quirinarie. La solita censura che colpisce i programmi comici…

Saggi, Napolitano: la parola al mio successore. Che esordirà con una bestemmia.

Ma quale attacco hacker… la verità è che stava vincendo una candidata donna: Cicciolina.

I saggi consigliano interventi su legge elettorale, processi, conflitto d’interessi. Diranno anche qualcosa che non sappiamo?

Napolitano congeda i saggi: addio, e grazie per tutto il pesce.

Quirinarie da rifare: non avevano la certificazione “Casaleggio inside”.

Attacco hacker sulle Quirinarie. Dannati pirati, arrivano sempre prima dei troll!..

Per il Movimento 5 Stelle i 10 saggi sono solo la vecchia politica. E io che credevo che fosse solo uno spreco.

I saggi propongono una sola camera: quella delle torture o quella da bagno?

Non sapevo che il “copia-incolla” si potesse chiamare anche “attacco-hacker”…

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: