Dove si coltivano idee storte ma ben piantate.

Articoli con tag ‘Porta a porta’

Porta a porta e porta i tortellini.

Ma quanto mi mancava il teatrino del Premier nella trasmissione più lucida della TV italiana! Lucida nel senso salivare del termine, ovvio.
E mancava parecchio alle alle piantine del mio ScEMENZAIO! Sapete, dopo mesi di astinenza hanno fame, e grazie al prezioso contributo di Matteo Renzi con la régia regìa di Bruno Vespa ecco a voi… il concime di oggi.
Oh, piano che è caldo!..

Renzi: nella legge di stabilità 2015 riduzione del costo del lavoro. Grazie alla riduzione in schiavitù.

Renzi: preferisco correre il rischio di essere arrogante che arreso. Com’era quella del finocchio e del culo degli altri?

“Dietro a questo sorriso c’è uno che ha tanta voglia di faticare” ha dichiarato Renzi parcheggiando la bici.

“L’Italia deve abbandonare la cultura del piagnisteo”, ha dichiarato il Premier mordendo un altro croissant.

Renzi: vedo gente che dopo un po’ che sta al governo si arrende. L’ultimo c’ha messo vent’anni, e ancora non ha firmato l’amnistia.

“Senza voli pindarici portiamo l’Italia fuori dalla crisi” ha dichiarato il Premier invitando ad allacciarsi le cinture.

Renzi si tiene lontano “dai professionisti della tartina”: lui preferisce la ribollita.

“Sulla riforma della giustizia vado avanti” ha dichiarato Renzi dalla sua villa di Arcore.

Renzi spiega la differenza tra i gufi e i non gufi: i gufi sono gli altri.

Renzi promette che non farà tagli lineari. Ha anche promesso che non si sarebbe alleato con Berlusconi, ora che ci penso.

 

Renzi sta dalle parte di chi, pur non essendo un tecnico, cerca le soluzioni. Come le cartomanti, per esempio.

 

Fatto. Magari non proprio bene, ma fatto.

Oggi Berlusconi è da Bruno Vespa a farsi fare un pigiamino di saliva. Il momento più alto di tutto lo spot elettorale il botta-e-risposta è stato quando l’ex Presidente del ConSilvio ha snocciolato tutto quello che avrebbe fatto durante il suo governo. Ma ha dimenticato di elencare un paio di cose. Tranquillo Silvio, ci sono qua io a darti una mano!

Convincere il parlamento che Ruby è la nipote di Mubarak: fatto.

Chiedere al presidente del consiglio (cioè a se stesso) se Mediaset ha diritto ai rimborsi previsti della legge Mammì: fatto.

Nascondere un mafioso spacciandolo per uno stalliere: fatto.

Impedire a un grande giornalista come Enzo Biagi di proferir mezza parola sulle TV nazionali: fatto.

Iscriversi alla loggia massonica P2: fatto.

Evadere le tasse con un giro di società off-shore: fatto.

Corrompere un giudice per mettersi in tasca la Mondadori: fatto.

Dare del kapò all’attuale presidente del parlamento europeo Martin Schulz: fatto.

Dare della culona inchiavabile al cancelliere della germania Angela Merkel: fatto.

Essere l’utilizzatore finale di un giro di puttanoni: fatto.

Farsi beccare a guardare sbavando il culo della premier danese: fatto.

Abbandonare Zapatero nel bel mezzo di una conferenza stampa: fatto.

Piazzare un ministro che vaneggia di tunnel per neutrini: fatto.

Abbreviare i tempi di prescrizione dei reati per cui è accusato: fatto.

Tenere il parlamento fermo per mesi solo per giustificare l’assenza dai processi che lo riguardano: fatto.

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: