Dove si coltivano idee storte ma ben piantate.

Articoli con tag ‘intercettazioni’

Spider-Cancellieri.

No, non ha nulla a che vedere con le automobili. Piuttosto con l’Uomo-Ragno (Spider-Man per gli anglofoni). Sì, perché oggi la madama si è arrampicata sulle pareti di specchi meglio del supereroe della Marvel, e senza usare ragnatele o superpoteri: solo con la forza delle mezze verità. Che donna! E vuoi che una così passi inosservata alle piantine dello ScEMENZAIO? Ovvio che no…

La Cancellieri si ricorda della Ligresti ma si dimentica di tutti quelli costretti a vivere in 3 mq. Strano concetto di giustizia

Berlusconi ricorda a Napolitano che è ancora in tempo per concedere la grazia. Sempre a proposito della legge uguale per tutti…

Son proprio curioso di vedere se la Cancellieri è più brava di Manolo ad arrampicarsi. Sugli specchi.

La Cancellieri mi fa sorgere una domanda: perché i politici insistono a telefonare? Fate come il governo-ombra, usate i pizzini!

Il PDL difende la Cancellieri. Quasi come se volessero qualcosa in cambio…

Giulia Ligresti scarcerata perché anoressica. Sarà, ma a me pare che l’appetito proprio non le manchi.

 

La Cancellieri dichiara: lo rifarei. I nomi illustri da scarcerare non mancano di certo, in Italia.

Cancellieri: l’ho fatto per ragioni umanitarie. Guardi che per le stesse ragioni qualcun altro pagava Ruby.

 

Aria ai denti.

Dovremmo esserci quasi abituati a sentire gente che riesce solo a dare aria ai denti, tuttavia a volte capita che qualcuno esageri in maniera smargiassa e anche un po’ gigiona: Miccoli, capitano del Palermo, in una telefonata intercettata dalla magistratura, ha definito Falcone “un fango”, proprio come quello che ti si attacca sotto le suole delle scarpe. Come mai la magistratura l’ha intercettato? Semplice: il signorino è indagato per estorsione e accesso abusivo a sistema informatico (tanto per non farsi mancare nulla). Oggi, durante una conferenza stampa, ha giurato in lacrime di essersi pentito e di aver detto quelle cose senza pensarci. Dirà la stessa cosa anche in caso di condanna per i reati dei quali è accusato? Lo scopriremo solo vivendo, nel frattempo lasciatemi annaffiare le piante del mio ScEMENZAIO.

Miccoli è ambidestro: pensa e gioca con entrambi i piedi.

Miccoli fotografato con il figlio del boss Lauricella. Chi di noi non ha almeno una foto con un boss malavitoso?

Miccoli ha comprato una macchina nuova: funziona a fango.

Miccoli non dorme da tre giorni. Tranquillo, nessuno se ne accorgerà.

Alla conferenza stampa Miccoli è in lacrime: dev’essergli andato uno schizzo di fango nell’occhio.

Dopo 5 ore i magistrati si sono accorti che quello non era Miccoli, ma una pianta grassa. Provateci voi a distinguerli!..

Miccoli: frequentavo tutti pensando mi potessero dare vera amicizia, sbagliavo. Bella questa, Silvio sta già prendendo appunti!

Miccoli ha fatto quelle dichiarazioni su Falcone senza pensarci. “A mia insaputa”, tipica scusa all’italiana.

Miccoli: quando finirà questa storia voglio fare il testimonial della legalità. Insieme a Dell’Utri, suppongo.

 

Miccoli si scusa con Palermo. Posso garantirti che anche il resto dell’Italia non ti sta apprezzando un gran che…

 

Se telefonando…

Oggi i giudici di Milano hanno reso note le motivazioni per la condanna di Berlusconi nel caso BNL-Unipol. Per farla breve, all’epoca dei fatti i giornali del Cavaliere “casualmente” vennero in possesso di un’intercettazione secretata tra Fassino e Consorte e, sempre “casualmente”, venne pubblicata sulle sue testate poco prima della campagna elettorale.
E in tutto sto via-vai di casualità, vuoi che un paio di semi non siano caduti nel mio ScEMENZAIO? “Casualmente”, chiaro.

Per i giudici Berlusconi ascoltò la telefonata, non dormiva. Ovvio, mica si parlava della shoah.

Berlusconi ascoltò la telefonata tra Fassino e Consorte dal computer. Quindi la telefonata è finita su youporn?

I giudici sottolineano capacità nella sinistra di fare affari e mettersi a tavolino con i poteri forti. Insomma, larghe intese.

Per i giudici di Milano Berlusconi usò le intercettazioni contro il PD, anticipando di poco le mosse del PD.

Ghedini su tutte le furie per la sentenza Unipol, eppure la legge parla chiaro: per qualunque cosa citofonare Paolo.

Ghedini: la sentenza verrà riformata nei gradi successivi. Oppure, direttamente in parlamento.

Berlusconi, come capo del Pdl, fece diffondere la telefonata Fassino-Consorte. Ma no, in quel momento era presidente del Milan!..

Per i giudici è evidente interesse politico nell’intercettazione. Stupisce pure me che non sia stata pubblicata su “l’Unità”.

“Berlusconi agì in qualità di capo della parte politica avversa a quella di Fassino”. Ma quante sono le correnti nel PD?

Son proprio curioso di sentire in che modo Studio Aperto assolverà Berlusconi: fantasia al quarto potere.

 

 

Nessuno tocchi Napolitano.

La Corte Costituzionale ha parlato: il Presidente della Repubblica non è un cittadino come tutti gli altri. Lui è di più, alla faccia della carta costituzionale.
Oggi la suprema corte ha stabiliti che non si possono intercettare le telefonate di Napolitano, nonostante l’intercettato non fosse il Presidente, ma Mancino. E tanto per aggiungere un po’ d’olio a questa bella insalata, ecco che l’Italia perde tre posizioni nella classifica dei paesi più corrotti scivolando dalla posizione 69 alla 72 a parimerito con la Tunisia.
Esagerati, non è vero che siamo messi così male, se mi date 10 euro vi dico anche il perché.

Zio Michele confessa l’omicidio di Sarah, poi chiede di fare una telefonata: temo di sapere chi chiamerà…

La brutta notizia è che siamo corrotti quanto la Tunisia. Quella pessima è che potremmo peggiorare.

Vista la sentenza della Consulta, da domani nelle chiese verranno tolti i confessionali e installate delle cabine telefoniche.

La legge anticorruzione funziona: abbiamo perso solo tre posti nella classifica corruzione invece di arrivare ultimi!..

La consulta dice che non si può intercettare Napolitano. Oh bene, avevo giusto bisogno di sfogarmi senza passare dei guai!

Trasparency International stila la classifica dei paesi più corrotti. Ne risulta che l’Italia è trasparente. Come il fango.

La Consulta renderà note le motivazioni della sentenza su Napolitano a breve, appena riescono a scendere dagli specchi.

Per festeggiare il nuovo traguardo italiano sul tema corruzione verranno organizzati pellegrinaggi ad Hammamet.

Se in America è come da noi, ora capisco il diritto riconosciuto a chi viene arrestato di fare una telefonata: chiamano Obama.

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: