Dove si coltivano idee storte ma ben piantate.

Articoli con tag ‘Epifani’

Ci sei o Civati?

Oggi le Camere si sono espresse sulla sfiducia al ministro Severino per la vicenda delle telefonate, piuttosto inopportune, con la famiglia Ligresti. E indovinate un po’? Esatto, va bene così: Letta ha praticamente fatto quadrato con il suo partito attorno al ministro e Civati, quello che dissentiva e che avrebbe fatto una sua mozione di sfiducia, ha votato “per dovere verso il partito” contro la sfiducia. Vien da chiedersi se ci è o ci fa. In fondo, comunque, è andata bene così: le piantine del mio ScEMENZAIO son cresciute a dismisura!..

“Le accuse nei miei confronti sono false” è la frase che accomuna tutti i governi da vent’anni.

Cancellieri: mai favoritismi o bugie. Solo omissioni.

La Cancellieri si presenta alle Camere con il braccio sinistro fasciato. Per convenzione, lo chiameremo Enrico.

Il ministro Cancellieri: pensiamo a numero verde per i detenuti. Già esiste: è il suo cellulare.

Cancellieri: non ho mai mentito. Ecco, ne ha appena raccontata un’altra.

Cancellieri respinge le accuse: nessun favoritismo alla Ligresti, ha fatto la coda alla cassa come tutte nell’ora di shopping.

La Cancellieri rispecchia pienamente il suo partito: si è presentata in aula con il braccio sinistro immobilizzato.

Ministro Cancellieri: pensiamo a un numero verde per i detenuti. Deve aver cambiato la cover al cellulare.

 

Epifani: riteniamo che il governo sia alle prese con un compito essenziale e difficile. Arrampicarsi sugli specchi.

Riccardo Nuti, del M5S: l’Italia non può avere come presidente del consiglio un ricattatore. È la forza dell’abitudine…

 

Civati: vota “no” alla sfiducia per disciplina di partito. E poi in Siberia fa troppo freddo in sto periodo.

Civati presenta una mozione di sfiducia e poi non la vota. È un po’ come dire “guido io” e poi prendere l’autobus.

 

Cancellieri: numero verde per detenuti. “Se il suo cognome inizia con LIG e finisce con RESTI prema 1, altrimenti riagganci semplicemente”.

 

Annunci

IMUnità.

Renzi ed Epifani, come da tradizione PD, litigano: uno dice che l’IMU e una cambiale che il PD ha firmato a Berlusconi, l’altro dice che è cosa buona e giusta. Intanto i nostri conti son messi talmente bene che il Governo Letta ha deciso di aumentare l’IVA al 22%. Anche oggi le piantine del mio ScEMENZAIO crescono rigogliose, grazie ai nostri strapagati politici…

Renzi: IMU è una cambiale pagata a Berlusconi. Ah meno male, io credevo fosse un ricatto.

Renzi: il Pd è in una fase un po’ sotto choc. Fase che dura da vent’anni.

Renzi: il Pd è in una fase un po’ sotto choc. Mai quanto il suo elettorato.

Renzi: chi vuol bene all’Italia fa il tifo per Letta. Facciamo già la fame, mo pure il tifo?

Per Renzi si deve immediatamente dare un segnale. Prima bisognerebbe mettere il defibrillatore a bordo comizio.

Renzi: IMU, una cambiale pagata a Berlusconi. Epifani: è un regalo al buon senso. Uno dei due confonde la cacca col cioccolato

Civati: è un po’ che non capisco Matteo e ciò che sta facendo. Benvenuto nel club, se vuole può fare la tessera.

Civati: il Pd va rivoluzionato. Ad esempio trasformandolo in un partito di sinistra.

Civati: vorrei chiedere a Letta di spiegarmi il programma del governo. Lo chieda al Presidente del Consiglio: Berlusconi.

Renzi: IMU una cambiale a Berlusconi. Epifani: è solo buonsenso. Lo stesso di quando si salta su una bici senza sella.

Renzi: il PD è grado di esprimere idee proprie per il paese o sta solo a rimorchio? Nel dubbio, per ora va alla deriva.

 

Renzi: il PD non si deve preoccupare di cosa fa Berlusconi. Infatti non se ne preoccupa: gli lascia fare tutto quel che vuole.

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: