Dove si coltivano idee storte ma ben piantate.

Articoli con tag ‘Cota’

Largo ai diversamente vecchi.

La notizia non-notizia di oggi è che la politica si sta leggermente e lentamente svecchiando. Ben (sottolineo ben) due neo-segretari di partito sono under 40, cosa che sarebbe appena normale in qualunque altra nazione, ma qui fa notizia. Renzi, infatti, è il nuovo segretario del PD, mentre Salvini ha vinto la bagarre contro Bossi e si prepara a diventare presidente del cerchio magico della Lega Nord. Che sia un nuovo inizio? O solo l’inizio della fine? Ai postumi l’ardua sentenza, noi chiniam la testa dinnanzi alle piantine appena nate nel mio ScEMENZAIO…

Cota pensa che Salvini possa fare un buon lavoro. Non vedremo mai più Cota e Salvini affiancati a parole come “pensa” e “lavoro”.

Cota: le primarie della Lega sono state un bel momento di democrazia. Ci dica, come avete superato lo shock anafilattico?

Il neo eletto Salvini dichiara che il suo prossimo bersaglio sarà l’Europa. C’è da augurarsi che la cosa sia reciproca.

Salvini è il nuovo braccio destro di Bossi. Ecco, così ne ha due che funzionano poco.

Avremo un parlamento così giovane che quando il Presidente della Camera suona la campanella, i deputati pensano che è per la ricreazione.

Sono curioso: quanto pagava la Lega per convincere gli elettori ad andare alle primarie? Vista l’affluenza, direi poco…

Carica dei 40enni alla guida dei principali partiti. La vera novità è che non sono delle escort.

 

Pare che in Italia la gioventù politica si stia facendo strada. Non ci resta che attendere l’arrivo di quella capace.

 

Salvini è il nuovo segretario della Lega Nord: l’ha votato tutto il suo condominio.

Titola il Corriere: Renzi, Salvini, Alfano, Meloni, la politica italiana diventa under 50. Credo si riferiscano al Q.I.

 

Annunci

Aggiungi un post al TAVola.

Verso le 3 di questa mattina, il cantiere dell’utilissima TAV di Chiomonte è stato bersagliato di petardi e molotov. Una ventina di persone secondo gli organizzatori, un enorme gruppo di terroristi secondo la questura. Ovviamente nessuno è concorde con i metodi di protesta che diventano violenti, così come nessuno pare essere concorde con la costruzione di una linea ferroviaria utile quanto un frigorifero al polo nord. A proposito di roba inutile, vediamo un po’ cosa è scesciuto nel ScEMENZAIO…

Mostrate le foto ai giornalisti dell’attacco al cantiere TAV. Che strano, ci son due tette su quella molotov!..

Alfano e Lupi in prefettura. E questa volta contro chi protestano?!

Alfano telefona e ascolta i ragionamenti di Cota. Voglio sapere qual è il suo segreto per trattenere gli sbadigli!

Il Sindacato di Polizia parla di terrorismo. Ancora un paio di twit e diventa terza guerra mondiale.

30 persone a viso coperto hanno assaltato il cantiere TAV. Sicuramente erano bloggers.

Razzi contro il cantiere TAV. Non illudetevi, la “R” è minuscola.

Lupi: continueremo con il confronto e il dialogo con la popolazione, a costo di usare i lacrimogeni.

Cota: il governo deve fare qualcosa. Ad esempio fargli fare la fine del ponte sullo stretto, per dire…

Cota definisce le bombe carta sulla TAV un atto di guerra. Sarei curioso di sentire come definisce le spese pazze in Regione.

Alfano telefona e ascolta i ragionamenti di Cota. Solo dopo mezz’ora si è accorto che era caduta la linea.

 

Tag Cloud

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: